Description Qty Item Price  
your basket is empty

sub total£0.00  
£ $
proceed to checkout

Introduzione al metodo degli elementi finiti

Mini corso FEM - 7 LUGLIO 2010

Livello: base

Tipologia : corso teorico/applicativo

Sede: Aula B5 - DTG Università di Vicenza

Orario: 9.30-17.30

Introduzione

Nell'ambito dei metodi numerici utilizzati per simulare la risposta del continuo - e particolarmente del continuo meccanico-strutturale - il metodo degli elementi finiti è quello maggiormente diffuso. I codici di calcolo commerciali oggi disponibili rendono l'utilizzo industriale del metodo particolarmente agevole, eliminando molte delle complicazioni formali che ne costituivano il deterrente principale all'impiego sistematico. Privilegiare gli aspetti operativi può generare però una falsa convinzione di competenza, a danno dell'affidabilità, e, quindi, dell'utilità dell'approccio ai fini della pratica progettuale.

Obiettivi

Come tutti i metodi numerici anche il metodo degli elementi finiti fornisce soluzioni approssimate. Queste dipendono dalla formulazione, ed hanno implicazioni dirette sulla scelta del modello adatto, sulla suddivisione in elementi, sull'imposizione delle condizioni al contorno e delle condizioni di carico, e sui valori assegnati ai parametri che controllano la soluzione. Una volta risolto il modello, occorre poi saper analizzare i risultati, traendo informazioni utili per le finalità progettuali.
Ragionare astrattamente su questi temi è relativamente facile: il metodo è consolidato e - se ci si limita alla teoria di base - elementare e ben documentato.
Obiettivo principale del corso è, invece, quello della concretezza. Il punto di vista è quello dell'utilizzo delle tecnologie software disponibili, in relazione ai vantaggi che esse offrono ed ai limiti che presentano. Va capito quando ha senso ricorrere ad un modello ad elementi finiti, sia in ragione della significatività e precisione dei risultati ottenibili, sia in ragione della complessità formale del calcolo, sia rispetto ai dati disponibili. Si tratta di affrontare un processo di approssimazione in modo coerente: scegliere il modello adatto, utilizzare il miglior compromesso rispetto alla qualità in sede di generazione della suddivisione in elementi, descrivere correttamente il comportamento dei materiali e le condizioni di sollecitazione, rappresentare i risultati e valutarne il grado di precisione.
Il corso ha carattere introduttivo, ed intende fornire i percorsi logici fondamentali per legare i presupposti del metodo alle scelte applicative. Gli esempi utilizzati rientrato, per questo, nella categoria dei problemi lineari.

Destinatari

Progettisti ed analisti che vogliano accostarsi all'utilizzo del metodo, comprendendone caratteristiche e potenzialità alla pratica progettuale.
Utenti di codici di calcolo commerciali, che vogliano meglio riferire la propria esperienza ai presupposti del metodo.
Responsabili di gruppi di progettazione che intendano valutare sia le potenzialità e i limiti del metodo, che l'impatto nella pratica progettuale e nel controllo dell'affidabilità.

Prerequisiti

Data la natura introduttiva del corso non sono necessarie conoscenze specifiche nel campo dell'analisi numerica. Per tanto si ritiene che il corso possa essere di beneficio non solo ai laureati in ingegneria od in altre discipline scientifiche, ma anche ai diplomati tecnici, qualora essi possiedano una sufficiente cultura matematica e fisica di base. Pur non trattando nel dettaglio gli sviluppi matematici e numerici, se ne danno comunque tutti i riferimenti, per chi volesse approfondire ulteriormente gli argomenti.

Luogo dell'evento

Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali (DTG)

Complesso Barche – Aula B5 –Piano Terra

Stradella S. Nicola 3 / Contrà Barche 40 / Contrà Piarda 9– VICENZA

Tel. 0444-998711

Come arrivare

Il DTG si trova in centro città, di fronte al teatro Astra.

  • In auto :  usciti dall’autostrada seguire le indicazione per Centro/Stadio  da VI-EST e per la stazione FS da VI-OVEST.
  • In treno :  a piedi dalla stazione seguendo le indicazioni

 

Details

Event Type: course
Location: Vicenza Italy
Date: July 7, 2010

Registration

Click here to register

 

ISCRIZIONI CHIUSE

 

Docente

President of Enginsoft, Prof. Ing. Stefano Odorizzi , graduated in Civil Engineering in 1973, and has worked as a researcher at the University of Padova since 1976, where  since 1984 he has been in charge of the Construction Technologies course and, more recently, of the Mechanics of Continua course,  as well as of the research activities in the area of CAE, iDP and related disciplines.  Since 1984 he has also scientific been co-coordinator and general manager of EnginSoft (a laboratory for technology transfer to the industry in the CAE sector, acknowledged by the Ministry of University and Research) as well as a member of the board of ESTECO (a research laboratory on optimization and IT technologies by the ‘Science Park’ in Trieste).

Prof. Odorizzi’s activities and professional experiences cover three main lines: research, vocational training, and professional work.

Highlights

  • Research : a first phase was dedicated to basics in FE and simulation technologies, on subjects such as lagrangian formulation for oriented bodies, large displacement and large deformation problems, fully coupled formulations for porous media, FE algorithms (numerical integration schemes, smoothing algorithms, reduced integration, numerical dumping). More recently and today the research focus has been more on manufacturing process simulation (with particular reference to metallurgy) and on multi-objective and multi-disciplinary optimization as well as MCDM and IT related problems. Since 1977 he has been research project leader of a variety of projects funded by the European Commission, or by other Agencies/Bodies, including COMETT, CRAFT, BRITE-EURAM, MURST, EU-RTD (from fourth framework on). Moreover he is member of several associations, including ISOPE, ASM Europe, AICAP, AIM, ATA, NAFEMS as well as responsible for research lines in the main European networks of the sector, including MACSInet, FENET, INGENET and TECHNET.
  • Vocational training : founder and general manager of the TCN consortium, co-founder and former first president of NAFEMS Italia), prime proposer and/or scientific co-coordinator of a variety of pilot projects (including 5 EC Leonardo da Vinci), technology partner of the MOPLE EC funded IT project for long-distance education, organizer of international conferences (from the ‘first international conference on microcomputers in engineering’ in 1984, to the ‘TCN-CAE 2008 International Conference on CAE and Computational Technologies for Industries”), editor of a number of primers (from the primer on “Introduzione al Metodo degli Elementi Finiti”, ed. Pitagora, 1981, and “Metodi numerici per l’analisi dinamica delle strutture” , Ed. Pitagora, 1984, to the primer on “Numerical simulation of foundry processes”, Ed. SGE,2001).
  • Professional Experience : mainly related to the role covered at EnginSoft, and the company activities..